sostituzione di sanitari

La sostituzione di sanitari si annovera tra gli interventi più importanti quando si decide di rifare il bagno.

Si potrebbe decidere per  lo spostamento o, in alternativa, la sostituzione dei sanitari. Rimuovere il water e il bidè, rimpiazzandoli con modelli di nuova generazione meno ingombranti, è infatti il primo passo per ricavare più spazio.

La semplice sostituzione del water, del bidè o di entrambi, è competenza dell’idraulico. A meno che non si riscontrino problematiche all’impianto, questo tipo di intervento non richiede grossi sforzi in termini economici.

La prima cosa da tener ben presente è che, oggigiorno, esistono diversi tipi di sanitari, rispetto al passato, che si differenziano tra loro anche per le modalità di posa, posizione degli scarichi ecc.

Riguardo ai pregi e ai difetti dei sanitari, ecco le varie tipologie:

  1. a filo muro;
  2. sospesi;
  3. tradizionali;
  4. a pavimento.

Nelle vecchie case ci si trova spesso nella situazione di dover sostituire i sanitari del bagno, perché ormai troppo vecchi e poco funzionali, qui di seguito alcune soluzioni:

  • SANITARI A TERRA O A PAVIMENTO

Nelle ristrutturazioni del bagno succede non di rado di non poter utilizzare, al posto dei vecchi sanitari a terra, distanziati dalla parete, i più moderni modelli di sanitari a filo parete a causa della differenza nelle misure degli scarichi.

  • SANITARI A FILO MURO

Per ovviare a questo problema vi sono in commercio modelli di vaso a filo parete dotati di scarico traslato. Questo scarico universale permette di sostituire il vecchio sanitario con un nuovo modello a filo senza dover intervenire a terra, adattandosi all’impianto già esistente.

La curva di questo tipo di scarico non è rigida e la parte che si collega al sanitario è estensibile. In questo modo si ottiene una flessibilità nelle misure che oscilla dai 6 ai 22 cm circa. Ad agevolare i lavori di ristrutturazione contribuiscono anche i bidet con apertura posteriore più ampia. Un accorgimento che consente di coprire gli attacchi dell’acqua, che spesso un tempo erano installati senza rispettare precise distanze. Un’apertura posteriore più ampia agevola inoltre eventuali ispezioni del bidet.

La soluzione sono i sanitari a scarico traslato, un modo semplice e rapido per cambiare i sanitari che presentano impianti vecchi e obsoleti con nuovi sanitari a filo muro. Con questo sistema non sarà infatti necessario sostituire gli scarichi.

Tra l’altro i sanitari a filo muro si presentano esteticamente più belli, in quanto i tubi restano nascosti alla vista e sono più pratici da pulire, nonché igienici in quanto essendo attaccati al muro si puliscono più facilmente.

La semplice installazione di sanitari, quando le reti e gli allacci sono già stati predisposti, non rientra nelle manutenzioni straordinarie.

Infatti anche per la Manutenzione del bagno si può usufruire di Bonus ristrutturazioni. Ma  è necessario capire se un intervento può essere qualificato come manutenzione straordinaria. Questo  è importante per accedere alle detrazioni fiscali sulle ristrutturazioni e l’acquisto di mobili.